lunedì 27 aprile 2015

Cocal

​20 minuti fa ho visto un gabbiano volare basso (neanche 10 metri di altezza, ben sotto il tetto di casa mia), sopra la strada grigia e umida, con le grandi ali spiegate. Sembrava l'albatro di Baudelaire, ma forse era solo un cocal che aveva perso la strada, un cocal spiaggiato per le strade della mia città.

2 commenti:

  1. Una delle poesie che ho amato di più e che conoscendo, per questo, a memoria, ogni tanto mi recito nella mente, comincia proprio con il mistero dei luoghi dei gabbiani: "Non so dove i gabbiani abbiano il nido/ dove trovino pace. / Io son come loro/ in perpetuo volo/ (...)".

    RispondiElimina
  2. l'ottimo_saracin4 maggio 2015 23:41

    Era San Liberale...

    RispondiElimina